Advertising Console

    Vibo Valentia, tassi di usura del 1.500% a imprese: 10 arresti. Operazione di carabinieri e Gdf in tre province calabresi

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    346 visualizzazioni
    Applicavano tassi di interesse fino al 1.500% e si facevano "ripagare" i prestiti con auto di lusso. Sono le accuse che la Procura di Vibo Valentia contesta ai 10 presunti usurai arrestati dalla Guardia di finanza vibonese e dai carabinieri del Comando provinciale impegnati nell'operazione "Business Cars" che ha permesso di sgominare un'associazione a delinquere finalizzata all'usura aggravata, all'abusiva intermediazione finanziaria e all'estorsione ai danni di tre imprenditori. Gli arresti sono stati eseguiti nelle province del di Vibo Valentia, Reggio Calabria e Catanzaro.Una delle vittime era stata costretta a "vendere" il proprio appartamento e poi a versare un canone d'affitto al suo strozzino per restare ad abitare nella casa. Ma gli imprenditori vittime di estorsione, alcuni de quali attivi nel settore della compravendita di automobili, da cui il nome dell'operazione, sono stati costretti a cedere anche dei veicoli per pagare i tassi usurai.