Advertising Console

    Allarme Maltempo Italia, novembre 2011

    BitEditor

    per BitEditor

    86
    30 visualizzazioni
    http://www.meteo10.it/allarme-maltempo-italia-novembre-2011-510.html Rientrato l'allarme maltempo in Italia dopo che la notte del 6 novembre è passata in modo tranquillo nonostante il Po fosse a rischio esondazione nell'area di Torino, ma l'allerta per il maltempo prosegue in Piemonte, Liguria, Sardegna e Campania dove si temono crolli nell'area di Pompei, che è stata in parte chiusa ai turisti. Rientrato anche l'allarme per i fiumi Dora Riparia, Tanaro e Bormida, anche se pure in questi casi resta alta l'attenzione per lo Stura di Demonte nel cuneese. Torneranno a casa le 94 famiglie evacuate la scorsa notte a Torino in corso Moncalieri e nei pressi dei ponti di via Bologna e di piazza Fontanesi per ordinanza del Sindaco Piero Fassino. Rientrati a casa anche i 100 evacuati da un palazzo di Pianezza, nella provincia di Torino. Le scuole per precauzione resteranno ancora chiuse e lo sciopero dei trasporti che è stato annunciato ieri, è stato revocato in Piemonte per limitare i disagi che sono stati causati dal maltempo. Rientrato l'allarme maltempo in Italia dopo che la notte del 6 novembre è passata in modo tranquillo nonostante il Po fosse a rischio esondazione nell'area di Torino, ma l'allerta per il maltempo prosegue in Piemonte, Liguria, Sardegna e Campania dove si temono crolli nell'area di Pompei, che è stata in parte chiusa ai turisti. Rientrato anche l'allarme per i fiumi Dora Riparia, Tanaro e Bormida, anche se pure in questi casi resta alta l'attenzione per lo Stura di Demonte nel cuneese. Torneranno a casa le 94 famiglie evacuate la scorsa notte a Torino in corso Moncalieri e nei pressi dei ponti di via Bologna e di piazza Fontanesi per ordinanza del Sindaco Piero Fassino. Rientrati a casa anche i 100 evacuati da un palazzo di Pianezza, nella provincia di Torino. Le scuole per precauzione resteranno ancora chiuse e lo sciopero dei trasporti che è stato annunciato ieri, è stato revocato in Piemonte per limitare i disagi che sono stati causati dal maltempo.