Advertising Console

    Dopo Fukushima arriva lo smartphone che misura le radiazioni. La paura tiene banco alla fiera elettronica di Tokyo

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    4 550 visualizzazioni
    Cellulari capaci di misurare le radiazioni, contatori geiger che si collegano via bluetooth. Alla più grande fiera di elettronica del Giappone a Tokyo la vera protagonista è la paura. Dopo l'incidente provocato dalla tsunami alla centrale nucleare di Fukushima molti espositori propongono smartphone speciali."Il concetto di involucri muniti di sensori è stato lanciato l'anno scorso - spiega Naoko Minobe dell'azienda NTT Docomo - ma dopo gli eventi di quest'anno abbiamo avuto l'idea di mettere un sensore capace di misurare le radiazioni". Anche i geiger, tradizionali contatori di radiazioni, si sono evoluti.Il miglioramento di questa nuova versione - dice Julien Battailler della Horiba - è la possibilità di comunicare via bluetooth con uno smartphone android o un pc e di registrare i valori delle radiazioni localizzandone la posizione grazie al Gps". Gli apparecchi sono prototipi e verranno messi in commercio in futuro.