Palermo, Fisco a caccia di sposini: spese matrimonio sotto esame. Agenzia Entrate a caccia di coppie e fornitori "non in regola"

askanews

per askanews

901
450 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Avete intrattenuto i vostri ospiti presso un ristorante, una sala in affitto, o con un catering? E se sì, quanto avete pagato? È stata rilasciata la fattura o la ricevuta fiscale? Sono queste domande come queste quelle che si leggono sul questionario recapitato dall'Agenzia delle entrate alle coppie di sposi di Palermo. Il documento, che TMNews ha avuto modo di consultare, è l'ultima trovata dello Stato per scovare gli evasori fiscali. Gli sposi siciliani sono chiamati a rispondere a una serie di dettagliate domande sulle spese per il ricevimento nuziale, il fotografo, i fiori, i confetti e le bomboniere: ogni dettaglio viene elencato per capire quanto hanno pagato per ogni singola voce, e se i pagamenti sono stati in regola con il Fisco. Non è la prima volta che Agenzia delle Entrate e Guardia di finanza avviano indagini simili, che negli scorsi anni hanno portato alla luce migliaia di euro mai dichiarati. Per chi non ottemperasse agli inviti dell'Agenzia la dimenticanza non sarà indolore: il mancato invio, ovvero la risposta falsa o incompleta, sono puniti con una sanzione da 258 a 2.065 euro.

0 commenti