Advertising Console

    Boss Calascibetta ucciso a Palermo, si teme guerra di mafia. Il capomafia coinvolto in processi su strage di Via D'Amelio

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    339 visualizzazioni
    E' stato trovato morto a pochi metri dalla sua casa di Palermo, in una microcar, il boss Giuseppe Calascibetta, uomo di primo piano di Cosa Nostra, ai vertici del mandamento di Santa Maria del Gesù. I killer hanno scaricato addosso al 60enne un intero caricatore, ma a rivelarsi fatali sono stati solo i due proiettili che l'hanno colpito alla testa. Calascibetta è stato protagonista di diversi processi per mafia, compresi alcuni sulla strage di Via D'Amelio, e ha scontato 10 anni per associazione mafiosa. Il suo omicidio arriva proprio a pochi giorni dalla decisione della Procura di Caltanissetta di chiedere la revisione di uno dei processi sull strage. Gli inquirenti palermitani temono l'inizio di una guerra di mafia: "E' un segnale molto allarmante - ha detto il procuratore aggiunto di Palermo Ignazio De Francisci - e ci fa temere che Cosa nostra abbia per il momento accantonato la preoccupazione delle possibili reazioni dello Stato a un fatto di sangue".