Catanzaro, ucciso 27enne marocchino: si indaga sulla vita privata. Non si esclude ipotesi litigio per l'omicidio di Ibraim Nokai

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

878
288 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Gli inquirenti stanno indagando nella vita privata di Ibraim Nokai, il ragazzo di 27 anni di origine marocchina ucciso la sera del 17 settembre con un colpo di pistola al torace nella sua casa del centro storico di Catanzaro. Per ora non c'è alcuna certezza su quali siano le cause dell'omicidio del ragazzo e gli inquirenti non escludono nulla, compresa l'ipotesi che Ibraim Nokai, in Italia con un regolare permesso e con un lavoro in un'azienda per la produzione di piastrelle, sia stato ucciso al culmine di un litigio. Gli agenti della squadra mobile di Catanzaro stanno cercando di ricostruire, grazie alle testimonianze di amici e familiari, gli ultimi spostamenti della vittima e di accertare eventuali contrasti con conoscenti nell'ultimo periodo.

0 commenti