Advertising Console

    Fc Crotone | Crotone-Ascoli 1-0

    Riposta
    FCTelevision

    per FCTelevision

    40
    25 visualizzazioni
    Mercoledì 6 Aprile 2011 | Nella prosecuzione della gara della 30ª giornata del campionato cadetto, interrotta lo scorso 5 Marzo per pioggia, il Crotone batte 1-0 l'Ascoli. Menichini si affida al 4-3-2-1 vittorioso contro l'Empoli, con Djuric terminale offensivo e Loviso che recupera dall'infortunio. Castori opta per il 4-5-1 schierando in attacco solo Feczesin. La partita comincia dal 5' 40''. I rossoblu partono bene e tentano subito di portarsi in vantaggio. Al quarto d'ora di gioco la punizione di Loviso è respinta dalla barriera, la palla termina sui piedi di Cutolo, che impatta male con la palla spedendola in curva da ottima posizione. L'Ascoli si scuote e alla prima conclusione mette i brividi colpendo la traversa: fa tutto Romeo, che raccoglie da Calderoni e si gira su Vinetot scaricando un micidiale sinistro che gela Belec, e centra il legno. La gara è bella e non ci sono pause, con entrambe le suadre che vogliono conquistare i tre punti. Su rinvio dell'estremo difensore Guarna, Correia non ci pensa su due volte e calcia al volo da centrocampo con una conclusione da applausi. Al 41° arriva il vantaggio dei padroni di casa: Eramo dopo una strepitosa percussione, salta Faisca e Micolucci, concludendo con un preciso destro che fulmina Guarna: prima rete in 26 gare per il ragazzo pugliese. Poco dopo, ennesimo fallo subito da De Giorgio, con l'arbitro che espelle l'allenatore Menichini per proteste. Nel secondo tempo i ritmi calano, ma è ancora il Crotone a tenere il pallino del gioco in mano. Cutolo ci prova direttamente da calcio piazzato, con Guarna pronto a volare e mandare la palla in calcio d'angolo. Castori quindi tenta le carte Giorgi e Lupoli per Romeo e Moretti, mentre Menichini si affida all'estro di Russotto e Caetano. Gli squali gestiscono bene la situazione e cercano di colpire col raddoppio. Ma nei minuti finali gli ospiti aumentano il ritmo e cercano alla disperata il gol del pari. All'89', Feczesin si divora il gol del pari, su assist di Di Donato, mettendo a lato di sinistro da pochi passi. Al 91' altra occasione per i marchigiani, con Lupoli che a porta sguarnita, dopo la palla sfuggita a Belec, riesce a calciare incredibilmente fuori. Ascoli nei guai e vede sempre più lontane le speranze di salvezza. Crotone che invece può sorridere dopo la sconfitta di Pescara e balza a 40 punti in classifica e sabato arriva allo Scida il Frosinone.