Advertising Console

    CN24 | Scovato Vincenzo Gullì. Un altro latitante finisce nella rete della polizia

    Riposta
    CN24

    per CN24

    49
    257 visualizzazioni
    http://www.cn24.tv Venerdì 28 Maggio 2010 | In questa edizione di Report24: Scovato Vincenzo Gullì. Un altro latitante finisce nella rete della polizia Si nascondeva a Bocale l'affiliato alle 'famiglie' di Roccaforte del Greco La squadra mobile di Reggio Calabria ha arrestato questa mattina Vincenzo Gullì, 42 anni, latitante da circa un anno e inserito nei 100 ricercati più pericolosi del Paese. I poliziotti lo hanno scovato in un appartamento ben arredato e in posizione panoramica sulla spiaggia di Bocale, nel reggino. Un anno fa era sfuggito a un'ordinanza di custodia cautelare con le accuse di traffico di sostanze stupefacenti, associazione mafiosa e per il tentato omicidio di Teodoro Spanò, avvenuto nell'aprile 2004, quando due sicari a bordo di una moto hanno esploso numerosi colpi di arma da fuoco. Viene considerato affiliato alla cosca Paviglianiti-Maesano-Pangallo che opera a Roghudi e Roccaforte del Greco, nella zona aspromontana, con influenze fino a Reggio Calabria in contrapposizione alla cosca Zavettieri. Gullì era stato coinvolto nell'operazione 'Nuovo potere' della Procura distrettuale Antimafia che, a gennaio di quest'anno, aveva assestato un duro colpo alle 'ndrine un tempo contrapposte nella sanguinosa faida di Roghudi. Cinquanta morti fino al 1998, poi l'intervento del boss Giuseppe Morabito "tiradritto" aveva fatto cessare le ostilità. Quando i poliziotti della squadra mobile di Reggio Calabria hanno fatto irruzione nell'appartamento, il latitante Vincenzo Gullì era disarmato e non ha opposto resistenza. Lo hanno riferito gli operatori incontrando la stampa questa mattina in questura. Sono in corso accertamenti sui proprietari e chi ne avesse disponibilità.