Advertising Console

    CN24 | Sequestro beni per oltre 28 milioni di euro a clan di Papanice e Cirò

    Riposta
    CN24

    per CN24

    48
    183 visualizzazioni
    http://www.cn24.tv Venerdì 26 Marzo 2010 | In questa edizione di Report24: Sequestro beni per oltre 28 milioni di euro a clan di Papanice e Cirò Duro colpo inferto alle cosche di 'Ndrangheta anche nel Varesotto Duro colpo alla 'ndrangheta crotonese inferto dai carabinieri di Varese e dalla polizia. Un sequestro di beni per oltre 20 milioni di euro è stato effettuato dai carabinieri nel Varesotto, nelle province di Milano, Crotone e Catanzaro alla Locale di Lonate Pozzolo, affiliata alla cosca Farao-Marincola di Cirò Marina. Le indagini patrimoniali si sono sviluppate dopo loperazione Bad Boys che il 23 aprile dello scorso anno aveva portato allarresto di 39 persone di cui 11 per associazione per delinquere di stampo mafioso e 28 per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di tentato omicidio, estorsioni, usura, rapina e riciclaggio. Sono stati sottratti alla disponibilità dellorganizzazione criminale, le quote - anche se fittiziamente intestate a familiari e prestanome - di 17 società operanti prevalentemente nel campo edilizio e immobiliare utilizzate nellattività di riciclaggio del danaro proveniente da estorsioni e usura, 34 appartamenti, 4 esercizi commerciali, 1 terreno agricolo, 20 auto di lusso, 70 conti correnti bancari, alcuni dei quali accesi presso banche estere. Tutti i destinatari dei provvedimenti sono attualmente detenuti. I sequestri sono stati operati anche in Calabria, dove i militari del Reparto Operativo di Varese per individuare i beni di mafia hanno operato sotto copertura con il coordinamento del Comando Provinciale di Crotone. Vasta loperazione nei confronti di una compagine criminale di stampo mafioso riconducibile alla Ndrangheta, affiliata alla cosca Farao-Marincola operante nelle province di Varese e Milano ed in particolare nelle zone di Lonate Pozzolo, Busto Arsizio, Gallarate, Malpensa e Legnano. Gli affiliati si sono resi protagonisti di un tentato omicidio, di numerose estorsioni a locali pubblici, commercianti e imprese di Varese e Legnano, rapine, usura, incendi, traffico di armi e di esplosivi, riciclaggio, finalizzati ad un meticoloso accumulo di capitali destinati ad essere riciclati in Italia e allestero. I beni saranno poi assegnati alla neo istituita Agenzia nazionale per lamministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata di Reggio Calabria perché vengano destinati a impieghi di pubblica utilità. Sequestro di beni anche alle cosche di 'ndrangheta di Papanice da parte della polizia di Crotone. Si tratta di un distributore di carburanti, un negozio di abbigliamento, un villa in costruzione, magazzini, un terreno e conti correnti per un valore di 8 milioni di euro riconducibili a Vito Mazzei, 34 anni, elemento di spicco della cosca Megna, ed a Roberto Bartolotta, 46 anni, parente del noto Pantaleone Russelli, capo indiscusso dellomonima cosca. Quella di oggi rappresenta la seconda fase dell'operazione 'Dirty investments' con la quale, nell'ottobre 2009, sono già stati sequestrati beni per 35 milioni di euro a persone ritenute affiliate alle cosche di Papanice coinvolte nell'indagine antimafia 'Perseus'.