Aversa - Movida violenta e guida senza casco sono la norma

Prova il nostro nuovo lettore
Pupia

per Pupia

640
220 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
http://www.pupia.tv - Aversa - Movida violenta e guida senza casco sono la norma. Movida violenta e mancanza di controlli da parte delle forze dell'ordine hanno trasformato le zone della movida Aversana in vere e proprie piste sulle quali sfrecciano a folle velocità centinaia di centauri per il 90% senza usare il casco o rispettare le norme del Codice della Strada. L'amministrazione comunale ha anche da poco sponsorizzato una manifestazione per la sicurezza stradale promossa Ciaramella Biagio responsabile locale dall'associazione AIFVS, purtroppo come troppo spesso accade questa amministrazione non ha dato seguito alle belle parole pronunciate dal palco. Il video girato sabato 3 settembre 2011 tra il parco Coppola e il parco Argo mostra la nuda verità di una città allo sbando senza nessun controllo da parte delle forze dell'ordine, questo è ormai considerato il triangolo delle Bermude nel quale i residenti vivono al limite del sequestro di persona, costretti a tapparsi in casa a causa della troppa foga dei centauri che hanno trasformato le vie e i marciapiedi di questo quartiere residenziale in una pista sulla quale sfogare le loro repressioni.
I cittadini sono anni che sperano in un intervento serio da parte dell'amministrazione, qualche anno fa hanno anche buttato centinaia di migliaia di euro per installare delle telecamere che non hanno mai risolto il problema, inoltre pare che i fondi siano stati prelevati dal bilancio dalla voce miglioramento della viabilità, di conseguenza anche volendo queste telecamere non possono essere utilizzate in caso di risse o furti, il tutto associato alla scarsa qualità delle immagini ha fatto fallire miseramente il progetto. Il Comitato Strisce Blu e l'associazione AIFVS sede di Aversa chiede un serio ed immediato intervento di tutti gli organi prepposti per ripristinare la vivibilità di questa zona. (04.09.11)

Giuseppe Oliva

0 commenti