Advertising Console

    Il dramma del racket a vent'anni dall'omicidio di Libero Grassi. Tano Grasso: più assistenza ma in pochi denunciano

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    31 visualizzazioni
    Sono passati 20 anni dall'omicidio per mano della mafia siciliana dell'impreditore catanese Libero Grassi. Nel 1991 con una lettera al Giornale di Sicilia denunciò i tentativi di estorsione subiti e per questo venne ucciso sette mesi più tardi davanti alla sua fabbrica a Palermo, il 29 agosto. Nel giorno dell'anniversario cerimonie e commemorazioni hanno riacceso il suo ricordo in Sicilia e in altre città italiane e dato un'occasione per riflettere sul problema del racket 20 anni dopo. Tano Grasso è il presidente onorario della federazione antitracket.Fra i ricordi più sentiti quello del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che in un messaggio alla moglie di Libero Grassi lo ha definito "un riferimento essenziale della rivolta contro il racket e la pressione mafiosa".