Tripoli, la vita riprende fra carenza d'acqua e carburante. Riapre qualche negozio, la gente torna in strada

Try Our New Player
askanews
896
37 views
  • About
  • Export
  • Add to
Alcuni quartieri di Tripoli cominciano a svegliarsi liberi. In città ancora si combatte, ma per le strade sta tornando la vita e la popolazione si scontra con la difficoltà di ricominciare in una città distrutta. Per terra i segni della guerra, fra carcasse di macchine e macerie. Le code per avere dell'acqua sono lunghissime."Non posso fare niente senz'acqua - racconta Zohra Salah - Non posso lavarmi, i bambini ne hanno bisogno, l'acqua è la vita quando non c'è, non c'è niente". Manca anche la benzina, venduta al mercato nero ad un prezzo superiore anche di 40 volte rispetto a prima della guerra."Non abbiamo avuto scelta abbiamo dovuto comprare benzina a qualsiasi prezzo - dice Jomaa Fitoury - Io devo guidare per comprare il pane e fare commissioni per il ramadan e con le strade e i negozi chiusi devo fare più strada per trovare la merce, anche fino a 20 chilometri". Qualche negozio ha riaperto, ma vende solo lo stretto necessario. Nonostante le difficoltà, però, i pensieri sono soprattutto per l'esito della battaglia ancora in corso."Non so come fare per le celebrazioni della fine del Ramadan - ammette Mahdya Aneb - ma spero che Dio aiuti i ribelli a vincere".

0 comments