Somalia, migliaia in fuga verso l'Etiopia alla ricerca di cibo. Un nuovo centro di aiuto per i migranti della carestia

Try Our New Player
askanews
896
62 views
  • About
  • Export
  • Add to
La carestia continua ad affliggere la già martoriata popolazione della Somalia e le varie agenzie delle Nazioni Unite da settimane lanciano l'allarme per scongiurare una catastrofe umanitaria, che comunque in parte si è già verificata. Facendo seguito all'appello della Fao e a integrazione degli interventi del Pam, a Doolow è stato aperto un nuovo centro di accoglienza e sostegno per i migranti che stanno riversandosi in massa verso l'Etiopia. "Quando sono arrivata qui - spiega questa donna - non avevo niente. Mi hanno dato qualcosa da mangiare e mezzi per poter cucinare". Tra i migranti il sentimento più diffuso è l'angoscia per il viaggio che li attende ancora e l'incertezza delle prospettive. "Non potevo né dormire né mangiare - spiega un'altra migrante -. Quando scende la notte mi devo muovere, non importa dove mi trovo". Il centro di Doolow si rivolge anche a chi vuole resistere alla carestia senza migrare. "La gente non vuole lasciare la Somalia - racconta Erin McClowskey, nutrizionista dell'Unicef - questa è la loro casa. Speriamo di fornire loro delle opportunità e degli aiuti per farli rimanere, almeno fino a che non decidono se e come muoversi". Le prospettive, comunque, sono fosche: secondo alcune Ong la situazione non migliorerà fino a gennaio.

0 comments