Advertising Console

    Cinquant'anni senza Hemingway, un mito che fa ancora discutere. Nel 1961 il suicidio, ma lo scrittore è ancora in prima pagina

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    211 visualizzazioni
    "C'è stato un tempo in cui per noi Hemingway era un dio". Cominciava così un celebre saggio di Italo Calvino dedicato allo scrittore che prima di chiunque altro ha unito letteratura e star system di massa. Qualcosa poi, tra Calvino e il rude Ernest, si è rotto - era il 1954 - e sette anni dopo Hemingway decise, tragicamente ma forse in linea con il proprio personaggio, di farla finita. Era il 2 luglio del 1961 e oggi, cinquant'anni dopo, Hem continua a fare discutere e a guadagnarsi le prime pagine dei giornali, come è accaduto con le nuove rivelazioni sul suo ruolo di agente occidentale all'Avana. Amato e odiato, stimato e vilipeso, Hemingway oggi per molti è una sorta di feticcio, ma anche una guida letteraria come pochi altri sia per la lezione di stile, sia per l'avidità di vita ed esperienza che lo ha sempre ispirato. E se il poeta premio Nobel Derek Walcott, uno che nei Caraibi ci è nato, dice che nessuno ha descritto il mare come Hemingway, forse, al di là della nostalgia e delle versioni hollywoodiane, qualcosa di solido e unico nella prosa di "Papa" resiste ancora oggi, mezzo secolo dopo il suo addio.