Egitto, dopo due mesi parla Mubarak: vittima campagna ingiusta

askanews

per askanews

1,3K
92 visualizzazioni
"Io mi riserverò di agire legalmente contro chi ha tentato di rovinare la mia reputazione e quella della mia famiglia". In un messaggio audio l'ex presidente egiziano Hosni Mubarak, deposto a furor di popolo, torna a parlare a due mesi dalla sua caduta, proprio nel giorno in cui arriva la notizia della sua convocazione in merito all'inchiesta sulle violenze contro i manifestanti durante le rivolte che hanno portato alle sue dimissioni. Ma lui sostiene "Sono stato vittima di una campagna ingiusta" e assicura che lui e la sua famiglia non hanno beni o conti all'estero. Le autorità egiziane hanno da poco annunciato una commissione di inchiesta per indagare anche sui suoi averi.