Advertising Console

    Crisi in Libia, ecco gli aerei italiani in campo - Scheda

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    23 234 visualizzazioni
    Sono pronti a partire in 15 minuti dall'ordine d'attacco i Jet militari italiani rischierati sulle basi aeree del sud Italia per l'operazione "Odyssey Dawn" sulla Libia. Si tratta innanzitutto dei Tornado, aerei supersonici, biposto (pilota e navigatore) presenti in 2 versioni: i Tornado IDS, cacciabombardieri da attacco al suolo provenienti dal 6° Stormo di Ghedi e gli ECR del 50esimo Stormo di Piacenza, utilizzati per la cosiddetta "guerra elettronica", ovvero per disturbare con impulsi elettromagnetici i radar e le comunicazioni del "nemico".Sulle basi di Trapani e Gioia del Colle, inoltre, sono schierati in prontezza operativa gli F-16 e gli Eurofighter del 37°, del 36° e del 4° Stormo dell'Aeronautica. Sono caccia intercettori, a loro il compito di neutralizzare eventuali "intrusioni" nemiche nello spazio aereo italiano.Da Trapani-Birgi, inoltre, partono anche le aerocisterne utilizzate per il rifornimento in volo dei caccia e gli Awacs piattaforme radar volanti per tenenere sotto controllo tutto quello che accade nello spazio aereo interessato dalla crisi.Sulla portaerei Garibaldi della Marina Militare, invece, pronti 8 Harrier, caccia multiruolo a decollo verticale e 5 elicotteri.