Berlusconi editore liberale o illiberale?

Prova il nostro nuovo lettore
Claudio Messora
109
22 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Dobbiamo ammetterlo: Silvio Berlusconi è un grande comunicatore. Quando parla, risulta convincente! Usa scrivere con una penna su un foglio di carta, anche se spesso la telecamera inquadra scarabocchi senza senso, al solo scopo di trasmettere un senso di sicurezza, come a dire sono perfettamente in grado di governare la situazione, e in questo modo ricrea l'illusione di basare i suoi ragionamenti su dati precisi. Fa battute per intrattenere i suoi interlocutori; la butta sul calcio per portare il clima su una più cordiale e goliardica atmosfera da bar. Sì, Silvio Berlusconi, a differenza di molti altri leader, sa il fatto suo. E i risultati di certo lo premiano. Ma alle sue affermazioni corrispondono sempre fatti concreti? Prendiamone in considerazione una. L'avrete di certo sentita, dato che ama ripeterla spesso. "Io sono l'editore più liberale che sia mai comparso sulla scena editoriale italiana. Lo domandi a tutti i direttori e i giornalisti di Mediaset e della Mondadori. Si ricordi cosa disse Montanelli." Bello. Sembra un sogno. Tuttavia, siccome per essere cittadini liberi dobbiamo prima di tutto essere cittadini informati, abbiamo il dovere di verificare tale affermazione. E allora, visto che i giornalisti non sembrano interessati a questa verifica, facciamola noi, facciamola insieme. Andiamo a chiedere a Montanelli, di cui Berlusconi è stato editore, se quello che dice il nostro premier è vero. http://www.byoblu.com 

0 commenti