Vuoi rimuovere tutte le tue ricerche recenti?

Tutte le ricerche recenti saranno cancellate

Caserta - Il popolo viola NO bavaglio

7 anni fa25 views

Pupia

Pupia

http://www.pupia.tv - Caserta - Il popolo viola NO bavaglio.
Ancora un'altra iniziativa del "Popolo Viola" di Caserta che scende in piazza contro il ddl del governo sulle intercettazioni, la cosiddetta "legge bavaglio". L'iniziativa, partita giovedì in tutta Italia, ha trovato nel capoluogo un forte riscontro. Una trentina di ragazzi del popolo viola si sono incontrati ieri alle 17 nei pressi dell'hotel Europa in via Roma a Caserta. Proprio lì stava avvenendo un'iniziativa politica di Sinistra Ecologia e Libertà. Numerosi i volantini distribuiti, ma soprattutto diverse elaborazione coreografiche, tra cui la lettura dei singoli articoli della Costituzione violati dal governo Berlusconi e il successivo "imbavagliamento" da parte del lettore.

Chiedendo ai partecipanti i motivi di questo flash mob, ci è stato così risposto: "Il ddl sulle intercettazioni vuole mortificare l'autonomia della magistratura, limitare la libertà di stampa ed eliminare il diritto di essere informati dei cittadini! I politici coinvolti, i servizi deviati e la criminalità organizzata vogliono cancellare la verità sulle stragi di stato e mafiose del '92".

Un altro, riprendendo le parole di Salvatore Borsellino, commenta: "E' un decreto assolutamente antilibertario, un decreto che da un lato imbavaglia la stampa, non permettendo di dare notizie certe, indispensabili per far sì che l'opinione pubblica si renda conto di come va il nostro paese, e dall'altro si toglie alla magistratura un'arma fondamentale per poter condurre le proprie indagini". Sostanzialmente, sembrano quattro gli articoli violati: 3, 21, 104, 112. In particolare viene sottolineato come secondo l'articolo 21 "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure". Hanno partecipato l'Unione Studenti Casertani, Agnese Ginocchio, cantautrice casertana, con una chitarra "imbavagliata", che ha dato forza e vigore a questa iniziativa; si son visti anche alcuni esponenti della Federazione della Sinistra, e di Sinistra Ecologia e Libertà, per la quale ha preso la parola l'onorevole Claudio Fava, impegnato a Caserta nei lavori del suo partito. Diversi i cori e gli slogan lanciati dai manifestanti, tra cui: "Fuori la mafia dallo Stato!" oppure "Casertano è diverso da Cosentino". E ancora: "La Costituzione va attuata e non cambiata!". (02.07.10)