Advertising Console

    Pollica (SA) - Fiaccolata in ricordo del Sindaco Angelo Vassallo

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    744
    52 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Pollica (SA) - Fiaccolata in ricordo del Sindaco Angelo Vassallo. "Con Angelo ci hanno tolto il futuro ma noi non dovremo avere paura e continuare il solco dei suoi insegnamenti". Così il vicesindaco di Pollica, Stefano Pisani, ha ricordato la figura di Angelo Vassallo durante la fiaccolata per ricordare il sindaco ucciso nella notte tra domenica e lunedì in un agguato. Circa duemila le persone che ha sfilato per le strade del paesino del salernitano, per commemorare più un amico che un sindaco, sempre pronto ad aiutare i cittadini e a denunciare le illegalità.

    FUNERALI. I funerali si terranno venerdì 10 settembre, alle 10.30, all'aperto, nel porto di Acciaroli. Qualora le condizioni del tempo non dovessero consentirlo, le esequie sarebbero spostate nella vicina chiesa dell'Annunziata. Il protrarsi dei tempi necessari all'esecuzione dell'autopsia sulla salma ha fatto cadere la scelta iniziale di celebrare i funerali giovedì spostando di un giorno le esequie. Si pensa anche all'installazione di alcuni maxischermi per consentire a tutti di assistere alla funzione alla quale è attesa una nutrita partecipazione. Alle esequie niente fiori: è l'appello dell'amministrazione comunale di Pollica. Il Comune ha lanciato l'iniziativa ''I fiori che Angelo avrebbe voluto''. Già da domani, infatti, al porto di Acciaroli sarà possibile versare un'offerta. ''Chi aveva deciso di donare un fiore - spiega il vicesindaco Pisani - potrà invece devolvere una offerta per 'Terra Madre', comunità nata da un progetto di Slow Food che riunisce la filiera alimentare per difendere l'agricoltura, la pesca e l'allevamento sostenibili''. Si potrà versare un'offerta sul conto corrente del Comune di Pollica, con la causale ''Angelo Vassallo per Terra Madre''. AUTOPSIA. Giovedì mattina si è conclusa l'autopsia sul cadavere di Vassallo: il sindaco è stato colpito da 7 dei nove proiettili sparati nell'agguato. L'esame, durato oltre tre ore, confermerebbe i dati emersi subito d