Advertising Console

    Napoli - Piazza Garibaldi come sarà

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    776
    374 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Napoli - Piazza Garibaldi come sarà. Alla presenza del Sindaco Rosa Iervolino Russo e del Vice Sindaco Assessore alle Infrastrutture Sabatino Santangelo, si è concluso con l'atto di cessione volontaria il procedimento espropriativo in virtù del quale il Comune di Napoli è divenuto proprietario di Piazza Garibaldi, fino ad oggi delle Ferrovie dello Stato. Il documento conclusivo è stato sottoscritto dai rappresentanti della Società Metropolitana S.p.A., quale Concessionaria del Comune di Napoli e della Società FS Sistemi Urbani.

    Il trasferimento è avvenuto in occasione dei lavori di recupero della Piazza e di realizzazione della stazione della Linea 1 della Metropolitana di Napoli, posta in sottosuolo a meno 40 metri rispetto al livello stradale.

    La prima stazione ferroviaria della Città era collocata in una posizione molto più avanzata rispetto a quella attuale e occupava quindi la quasi totalità dell'odierna Piazza Garibaldi; fu progettata da Enrico Alvino e realizzata alla fine dell'800. Negli anni 20 furono però eliminati i cancelli laterali che chiudevano i piazzali ad est e ad ovest dell'antica stazione e in quell'occasione fu pure tolta dal centro della Piazza la "Fontana della Sirena", opera di Francesco Ierace, che oggi è posta a Piazza Sannazzaro; in luogo della Fontana fu collocata la statua di Garibaldi. Tra il 1923 e il 1926 furono sottoscritte più convenzioni tra il Comune di Napoli e le Ferrovie dello Stato con affidamento in uso al Comune di Napoli di tutti gli spazi determinatisi a seguito dell'abbattimento dei cancelli di chiusura dei laterali.

    Nel 1954 le Ferrovie dello Stato decisero l'ammodernamento delle stazioni delle più importanti città italiane e si stabilì quindi di demolire il vecchio edificio della stazione, demolizione aspramente criticata poiché da molti la struttura architettonica dell'antica stazione era apprezzata. Con quell'abbattimento e il conseguente arretramento della nuova stazione si determinò l