Advertising Console

    Roma - Lite alla Metro: pugno ad una donna

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    750
    327 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Roma - Lite alla Metro: pugno ad una donna. Sembrava una delle solite lite a cui si assiste in biglietteria, per la serie "C'ero prima io", "No, prima io". E invece a Roma si è andati ben oltre. Nel pomeriggio di sabato, al capolinea della metropolitana Anagnina, linea A, un 20enne romano e una 32enne romena poco prima, presso la biglietteria, avevano avuto un piccolo scontro verbale per la fila. Non finiva lì: la donna, infermiera professionale, si avviava verso la metro e il giovane la seguiva. Lui iniziava ad insultarla, forse le sputava in faccia, lei reagiva con una spinta. A quel punto il ventenne metteva a terra ciò che aveva in mano e le sferrava un pugno in pieno volto. AGGRESSORE BLOCCATO DA UN PASSANTE. La donna cadeva a terra esanime e lui si allontanava indisturbato, fino a quando, pochi metri più avanti, veniva fermato da un uomo con una valigetta: il 20enne cercava di andarsene, ma il passante gli si metteva davanti, fino a quando, aiutato da un'altra persona, lo faceva ritornare vicino alla donna priva di sensi. Alcuni passanti, intanto, chiamavano i soccorsi: l'infermiera ora è in coma al Policlinico Casilino, dove è stata operata per le gravissime lesioni riportate al cranio. Una ricostruzione che smentisce quanto riportato da alcune agenzie, che hanno parlato di "indifferenza" dei passanti. Un plauso, dunque, all''uomo con la valigetta' per il senso civico dimostrato. ARRESTATO. Il 20enne, romano, è stato arrestato all'arrivo dei carabinieri e rinchiuso nel carcere di Regina Coeli. L'episodio è stato documentato da una telecamera di videosorveglianza. Nel video ufficiale dei Carabinieri, a differenza di altre immagini circolate in un formato più "stretto", si nota l'aggressore che viene fermato. IL LEGALE DEL RAGAZZO: "E' STATA LEI A PROVOCARE". "Era lei a inseguire il ragazzo. Lo ha provocato dicendo 'Ti faccio cadere quando arriva il treno'", spiega l'avvocato dell'aggressore del metro. E che il suo assistito non è un pregiudicato e che il fatto è accaduto sabato (e non lunedì, come si era detto in un primo momento). (12.10.10)