Canne della Battaglia, le iniziative per l'estate 2008

amica9tv

per amica9tv

62
93 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Lug 2008 - Notiziario Amica9 Tv Ha avuto luogo la presentazione delle d'iniziative promosse dalla locale Amministrazione - in sinergia con la Soprintendenza Archeologica della Puglia, la locale sede Archeoclub d'Italia, il Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia e l'associazione Astro-Bat - riguardanti la valorizzazione del sito archeologico di Canne della Battaglia. Presentati: • I lavori avviati a S. Mercurio del Campo; • Il programma didattico del campo scuola di ricerca archeologica organizzato dall'Archeoclub dal 19 luglio al 2 agosto 2008; • Le celebrazioni per il 2224° anniversario della storica battaglia tra romani e cartaginesi, con annullo filatelico celebrativo a cura del Comitato Italiano pro Canne della Battaglia; • La Serata astronomica a cura dell'associazione di astrofili Astro-Bat in collaborazione con The Lunar Society-Italia. Sono intervenuti, tra gli altri, il Sindaco di Barletta, Nicola Maffei; il Soprintendente per i Beni Archeologici della Puglia, Giuseppe Andreassi; l'Assessore comunale ai Lavori Pubblici, Antonio Gorgoglione; la Direttrice dell'Antiquarium di Canne e Ispettrice Soprintendenza Archeologica della Puglia, Marisa Corrente; gli archeologi incaricati degli scavi di San Mercurio, Giorgio Postrioti e Paola Farinelli; il progettista Doriana Detomasi; i Presidenti della locale sede Archeoclub d'Italia, del Comitato Italiano pro Canne della Battaglia e dell'Astrobat, che collaborano alla realizzazione delle iniziative. IL CAMPO DI RICERCA: TERME ROMANE DI SAN MERCURIO A CANNE DELLA BATTAGLIA L'Archeoclub d'Italia - sede di Barletta, d'intesa con il Comune di Barletta, la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia e la Direzione dell'Antiquarium di Canne della Battaglia, organizza un nuovo "Campo di Ricerca" didattico di scavo archeologico. Già nel 1986, '87 ed '88 erano state organizzate le prime tre edizioni del campo che avevano riscosso un notevole successo ed avevano segnato una tappa fondamentale nel recupero dell'area di Canne. Quest'anno il campo di ricerca s'inserisce nell'ambito del più ampio progetto "Dalla tomba di Paolo Emilio alle evidenze romane di San Mercurio", promosso dal Comune di Barletta in regime di cofinanziamento grazie ai fondi PIS Normanno -- Svevo -- Angioino n. 12, misura 2.1, azione b. Le attività, iniziate da pochi giorni, prevedono per un importo di € 320.000,00 interventi di recupero, sistemazione e valorizzazione del Parco Archeologico di Canne della Battaglia. Il campo offrirà l'occasione per avvicinarsi al mondo dell'archeologia e conoscere temi e argomenti scientifici e accademici, a stretto contatto con gli "addetti ai lavori", in un ambiente di grande suggestione come il complesso termale di San Mercurio del sec I d.C. nell'area archeologica di Canne nei pressi della stazione ferroviaria. Nel 2002 e nel 2004-05 sono state, infatti, già condotte indagini archeologiche in un'area, sulla collina di San Mercurio, già parzialmente indagata da Michele Gervasio nel 1938-39 e tradizionalmente indicata come la tomba del Console Lucio Emilio Paolo. Gli scavi estensivi hanno invece messo in luce una splendida cisterna con relativo impianto idrico di età imperiale, parte di un più vasto complesso di strutture di età antonina (databili intorno al I-II sec. d.C.) pertinenti ad un complesso termale, pertinente presumibilmente ad una grande villa privata. Questi nuovi rinvenimenti archeologici, di grande valore scientifico, colmano in particolare la lacuna di documentazione di età romana per l'area di Canne, dove decisamente maggiori sono i resti visibili di età medievale che offrono nuovi spunti interpretativi per la ricostruzione dell'occupazione del territorio cannense, dalla fine della guerra sociale alla rinascita dell'area in età tardoantica. Il campo si svolgerà per due settimane, dal 19 Luglio al 2 Agosto 2008. La partecipazione è libera per chiunque abbia raggiunto la maggiore età. I volontari parteciperanno direttamente dal lunedì al venerdì sia alle indagini archeologiche, sia alla consueta fase di documentazione, nonché a quella di lavaggio e siglatura del materiale archeologico rinvenuto. Saranno altresì coinvolti in conferenze pomeridiane attinenti l'Archeologia e la Storia dell'Arte e, il sabato, in visite guidate sul territorio; queste ultime attività saranno aperte non solo ai corsisti ma anche alla cittadinanza. Al termine sarà rilasciato un attestato di partecipazione. I LAVORI DEL PROGETTO: "DALLA TOMBA DI PAOLO EMILIO ALLE EVIDENZE ROMANE DI SAN MERCURIO" Sono in corso lavori inerenti gli scavi archeologici compresi nel progetto denominato "Dalla tomba di Paolo Emilio alle evidenze romane di San Mercurio". Fonte: www.puglialive.net 

0 commenti