Advertising Console

    Messina, sgominata banda di usurai. Arrestato anche un avvocato

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    381 visualizzazioni
    Si fingeva perito assicurativo e accoglieva nel suo studio persone in difficoltà economica, bisognose di denaro: concedeva prestiti ma chiedeva in cambio interessi usurai dal 20 al 30% che, in alcuni casi, sono arrivati fino al 360% all'anno, per un giro complessivo di svariati milioni di euro.L'uomo, Nunzio Venuti, è finito in manette assieme ad altri sei complici nell'ambito di un'operazione condotta dalla Squadra mobile di Messina. Tra gli arrestati anche un noto avvocato, Tommaso D'Arrigo, 51 anni che da vittima di Venuti, per cercare di uscire dal giro, si era trasformato in complice. D'Arrigo, tra l'altro, è accusato anche di aver raggirato un docente universitario, Placido Migliardo, facendosi consegnare l'intera liquidazione di oltre 120mila euro.Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Venuti si avvaleva di un procacciatore, Mario Ungaro, che trovava per lui le vittime. Se queste non pagavano, interveniva, con la violenza, Benedetto Aspri, esponente del clan mafioso Mangialupi di Messina.