Advertising Console

    Maxisequestro tra cui appartamento a Isola delle Femmine

    Riposta
    715 visualizzazioni
    MAXISEQUESTRO DI BENI AD IMPRENDITORE DI CARINI
    4 aziende, 18 immobili e diverse fuori serie sono stati sequestrati all’imprenditore di Carini Gioacchino Sapienza, 50 anni, ritenuto vicino alla cosca locale e condannato lo scorso agosto a 5 anni di carcere per concorso esterno. Secondo gli inquirenti Sapienza avrebbe accumulato questo patrimonio grazie alla protezione della famiglia mafiosa di Carini e soprattutto all’amicizia con Giovan Battista Pipitone, 60 anni, ritenuto il reggente della cosca e padrone occulto dei beni, tant’è che nei suoi confronti è pure scattato un provvedimento di sequestro. La decisione è stata presa di magistrati della sezione misure di prevenzione del tribunale i quali, Sapienza, pur non essendo stabilmente incardinato nella struttura organizzativa di Cosa Nostra, ha stretto pluriennali rapporti personali e di affari con personaggi di vertice dell’associazione mafiosa; i suoi beni possono quindi ritenersi di origine illecita in quanto acquisiti con redditi ricavati da attività di impresa avviate ed esercitate con l’ausilio della forza d’intimidazione, del sodalizio mafioso, divenuta la componente principale dell’avviamento aziendale. Le aziende finite sotto sequestro sono la Sapienza Vito sas, la Savi srl, la gruppo Sapienza srl e la kalon srl, tutte con sede a Carini. Inoltre, è stata bloccata la quota del 50% della Immobiliare S.e C. srl. Il provvedimento congela inoltre 21 mezzi pesanti, una ferrari f 116 gta, due mercedes sl 500 e clk 200, due bmw 320 e 317; due appartamenti a Palermo, 3 a San Vito Lo Capo, uno ad Isola delle Femmine e il resto a Carini in contrada Ciachea.
    http://www.teleoccidente.it/wp/?p=1366
    http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2009/01/isola-delle-femmine-lisola-felice-del.html