Advertising Console

    Anghjula Potentini - Lettera à Fratellu

    Repost
    Inseme Per Bastia

    par Inseme Per Bastia

    5
    2 641 vues
    Festa di A Nazione
    Chjesa San Carlu in Bastia

    LETTERA À FRATELLU

    Ti scrivu à tè, fratellu paisanu
    Per ditti quantu hè tristu lu me core,
    Ti manda assai suspiri è ti porgu la manu
    Ma dammi torna tù un segnu d'amore
    Voltati versu mè, t'aspettu, à lu veranu
    Ùn lascià più, fratellu, u tempu corre
    Avvicinati à mè, ùn stà luntanu

    Ùn dormu più tranquillu è spenseratu
    Quandu si chjode a porta di a prigiò
    Digià fratellu nostru hè imprigiunatu
    Per avè solu dettu è cun ragiò:
    "Vogliu stà in terra corsa, inde sò natu
    È per fà piazza à l'altri ùn mi ne vò
    Chì vive è more corsu, mi sò ghjuratu!"

    Avveniti a dulcezza di a nostra mamma
    È lu so core sempre in alegria
    Oghje di tanti strazi ella si lagna
    Elli dicenu: "Amme è cusi sia!"
    Tù ùn poi lascialla more cum'è una cagna
    Falla per cumpassione, torna una cria
    Chì per l'ultima volta ella ti chjama

    Ma s'è t'ùn faci prumessa. è quì ùn ritorni
    Ùn sunerá chè dolu u campanone
    Ùn viderai mai più fumà i forni
    A panca serà nuda, spintu u fucone
    Truverai strangeri in li cuntorni
    È senza fiori in manu ma lu bastone
    Pensu ch'è averai capitu i me frastorni

    Ghjuliu Bernardini