Iraq, il Parlamento tedesco sostiene l'invio di armi ai curdi

49 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
La Germania rompe un tabù, con il via libera all’invio di armi ai combattenti peshmerga in Iraq. Una decisione che la cancelliera Angela Merkel ha difeso davanti al Bundestag, affermando che nella guerra contro lo Stato islamico è in gioco la sicurezza dell’Europa.

“Avevamo la scelta tra non rischiare, non inviare armi, accettando così che il terrorismo si allargasse – ha affermato la cancelliera – e, dall’altro lato, sostenere chi sta coraggiosamente lottando, con poche risorse, contro il terrore dello Stato Islamico”.

Il ministero della Difesa ha precisato che saranno consegnati ai combattenti curdi 30 sistemi missilistici anticarro, 16mila fucili d’assalto e 8mila pistole. Armamenti attualmente in dotazione anche all’esercito tedesco.

La decisione della Merkel è stata sostenuta da tutti i gruppi parlamentari, ad eccezione della sinistra Di Linke e della maggioranza dei deputati dei Verdi.

0 commenti