Valls 2: un governo di fedelissimi nel nome di Hollande

41 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Via il Ministro insubordinato e nemico del rigore, dentro il delfino del Presidente e suo ex consigliere economico.

Con la nomina del trentaseienne già segretario aggiunto dell’Eliseo Emmanuel Macron all’economia, il nuovo governo francese conferma che il Valls 2 sarà un gabinetto di assoluta fedeltà alla linea di Hollande.

La composition du gouvernement #Valls2 : http://t.co/9ZHLlWEaG7 #remaniement pic.twitter.com/31gRWdIpyL— Élysée (@Elysee) 26 Agosto 2014

“Continuiamo a sostenere che si debbano aiutare le imprese – ha detto il Primo ministro francese -. Le grandi imprese che rappresentano la Francia nel mondo, ma soprattutto le piccole e medie imprese, gli artigiani, le start-up: tutte quelle realtà che danno lavoro alla maggioranza dei nostri concittadini e che creano la ricchezza. Perché senza la ricchezza delle imprese, non si creano posti di lavoro”.

L’intervista integrale del Primo ministro Manuel Valls al TG serale della televisione pubblica francese France2



Al nuovo Ministro Emmanuel Macron sono arrivati via Twitter anche gli auguri del “fuoriscito” Montebourg, le cui dure critiche alla politica economica del governo avevano indotto il premier Valls al rimpasto numero quattro dell’era Hollande.

Bienvenue à Emmanuel Macron, avec lequel nous avons travaillé si bien dès les premiers instants du ministère du Redressement productif.— Arnaud Montebourg (@montebourg) 26 Agosto 2014

Salutata dall’Economist come scelta “simbolica” e “rivelatrice” del sostegno alle imprese che il nuovo governo Valls si propone di portare avanti, la nomina di Emmanuel Macron è stata accolta con favore anche dall’economista francese Jacques Attali, che di lui ha parlato come di “un grande professionista, un futuro grande politico e un uomo di cultura. Bercy (ndr: la sede del Ministero dell’economia francese) è in davvero buone mani”.

Emmanuel Macron, un grand professionnel, un futur grand politique, un homme de culture, . Bercy dans de tres bonnes mains.— Jacques Attali (@jattali) 26 Agosto 2014

Dopo la fuoriuscita dell’ex Ministro dell’economia Montebourg, e dei titolari di Istruzione e cultura che erano con lui, a rappresentare la Sinistra socialista resta in Parlamento il solo la guardasigilli Taubira. Comunque certo del sostegno dell’aula, Valls annuncia che si sottoporrà a un voto di fiducia tra settembre e ottobre.

0 commenti