Governo: le due italiane rapite in Siria non sono in mano a Isis

askanews

per askanews

901
45 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (askanews) - Le due giovani volontarie italiane rapite in Siria a luglio non sono nelle mani dei miliziani dello Stato islamico. A smentire la notizia diffuse dal quotidiano britannico Guardian sulla sorte di Vanessa Marzullo e Greta Ramelli è stato il sottosegretario agli Esteri Mario Giro.
"A quello che risulta le indiscrezioni del Guardian non sembrano veritiere", ha dichiarato invitando comunque al massimo riserbo sulla vicenda e assicurando che il governo italiano sta lavorando in ogni direzione e farà tutto il possibile perché le due ragazze siano liberate presto.
Vanessa e Greta sono scomparse alla fine di luglio da Aleppo, dove lavoravano ad un progetto umanitario. Il Guardian non citava direttamente i loro nomi, ma parlava di due italiane fra gli stranieri nelle mani dell'Isis, in un articolo che, dopo la decapitazione del reporter american James Foley, faceva il punto sugli occidentali rapiti dallo Stato islamico.

0 commenti