Advertising Console

    Pakistan: dialogo sospeso tra governo e oppositori, Khan resta in piazza

    Riposta
    euronews (in Italiano)

    per euronews (in Italiano)

    705
    16 visualizzazioni
    “I colloqui sono finiti, non me ne andrò fin quando il primo ministro non si sarà dimesso”. In Pakistan, il leader dell’opposizione Imran Khan ha abbandonato le trattative con il governo e ha esortato la folla di seguaci, nel secondo giorno di sit-in davanti al parlamento di Islamabad, a prolungare la protesta.

    Tra mercoledì e giovedì, le delegazioni del governo e dei partiti d’opposizione – di cui fa parte anche quello del religioso Tahir ul-Qadri – avevano avviato un dialogo. Presto finito, visto che Nawaz Sharif non intende dimettersi e l’opposizione non vuole ritirare la richiesta.

    Il parlamento ha respinto le rivendicazioni dell’opposizione, tra le quali elezioni anticipate, e ha approvato un documento di condanna della protesta.

    Il potente esercito continua a sorvegliare la zona rossa dopo aver invitato le parti al dialogo. Per l’International Crisis Group, “le manifestazioni rischiano di aprire la strada a un golpe di velluto, in cui i militari dirigono il Paese in segreto”.