Ebola in Sierra Leone, gli eroi che bruciano i cadaveri

askanews

per askanews

901
14 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Freetown (askanews) - Sono molti i medici e gli operatori sanitari che hanno contratto il virus Ebola mentre cercavano di curare i pazienti colpiti dall'epidemia nell'Africa occidentale. In Liberia, così come in Sierra Leone. Meno conosciuta, in quest'ultimo paese, la storia di chi interviene in una fase ancora successiva del decorso del virus: quella che prevede lo smaltimento dei cadaveri delle vittime. Un'operazione molto pericolosa, che espone i lavoratori a enormi rischi, ma che è decisiva per tentare di arginare l'ulteriore diffondersi dell'Ebola e restituire condizioni sanitarie compatibili con la lotta alla malattia. E così ecco che dal cuore dell'epidemia arrivano piccole storie di eroismo quotidiano, probabilmente destinate a un rapido oblio mediatico, ma che potrebbero essere decisive sulla strada, ancora lunga, che porta all'uscita dall'emergenza.

0 commenti