Russia, stop all'import di cibo da Ue e Usa. Le contromisure di Mosca alle sanzioni subite per crisi ucraina

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

915
16 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Mosca, (TMNews) - La rappresaglia di Mosca non si è fatta attendere: stop all'import di cibo di provenienza europea e statunitense. Ecco la risposta alle misure punitive occidentali contro la Russia per la crisi ucraina. "La via delle sanzioni è un vicolo cieco - ha detto il premier Dimitri Medvedev - ma la Russia è stata costretta a reagire".Le "contro-sanzioni" del Cremlino prendono di mira essenzialmente il settore agroalimentare. E' previsto un embargo totale su carne di manzo, suina e avicola, frutta e verdura, latte e formaggi dai Paesi dell'Ue, dagli Usa, ma anche da Australia, Canada e Norvegia.L'embargo è previsto per un anno, ma il premier ha subito messo in chiaro che sarà possibile ridurre il periodo in caso di "atteggiamento costruttivo". L'obiettivo della Russia è convincere l'Ue che la via delle misure punitive ha un effetto boomerang e porterà danni economici a tutti. A partire dall'Italia: le esportazioni di prodotti agroalimentari in Russia hanno raggiunto l'anno scorso la cifra record di 706 milioni di euro.

0 commenti