Mario Brunello: le Dolomiti, uno scenario degno di Bach. Il grande violoncellista racconta la musica e la montagna

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
12 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Trento (TMNews) - Il grande violoncellista Mario Brunello al rifugio Tosa-Pedrotti per il festival musicale "Suoni delle Dolomiti" racconta il suo amore per Bach e per la montagna: "Io partecipo da vent'anni a tutte le edizioni del festival, ho sempre suonato Bach o da solo o con altri. Arrivare a suonare le Goldberg che sono la vetta della musica di Bach era un grandissimo sogno, e suonarlo in questo posto qui, con amici come Isabelle e Danusha è stata una grande esperienza. E lo scenario è qualcosa di unico, è uno scenario bachiano". Assieme a Brunello, il violino di Isabelle Faust e la viola di Danusha Waskiewicz.

0 commenti