Argentina, nonna di Plaza de Majo ritrova il nipote desaparecido

askanews

per askanews

901
6 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Buenos Aires (askanews) - Argentina in festa. Estela Carlotto, 83 anni, una delle fondatrici delle "Nonne di Plaza de majo", dopo 36 anni di ricerche ha ritrovato il nipote Guido, considerato sino a oggi un "desaparecido".
"Questa è la risposta a quanti vorrebbero voltare pagina e fare come se niente fosse accaduto. È una riparazione per tutti i buoni argentini. Una riparazione per lui, per la nostra famiglia e per tutta la società".
Tra il 1976 e il 1983, sotto il regime della giunta militare argentina, si stima siano scomparsi fino a 30.000 dissidenti.
Secondo quanto raccontato da una compagna di cella di Laura Carlotto, madre di Guido e membro del gruppo armato dei Montoneros, il bambino è nato il 26 giugno 1978 in carcere prima che la madre fosse giustiziata.
Guido, figlio di Carlotto e Oscar Montoya, anche lui un montonero, è oggi un musicista di 36 anni. Dopo un primo contatto telefonico con la sua famiglia biologica si è preso un po' di tempo prima di incontrarla per mettere a fuoco quel radicale cambio di prospettiva.
"È un artista, spiega nonna Carlotto, un bravo ragazzo. È lui che mi ha cercato e così è successo quello che tutti speriamo, noi le nonne di Plaza de majo, che ci cerchino come noi li cerchiamo".
Una speranza per tutti i familiari dei desaparecidos.
"Bisogna continuare a cercare quelli che mancano. Perché altre nonne devono vivere la gioia che provo io oggi. Ringrazio tutti, ringrazio Dio e ringrazio la vita. L'unica cosa che desideravo prima di morire era di stringerlo tra le braccia. Adesso potrò farlo".
(Immagini Afp)

0 commenti