Advertising Console

    Iraq: islamisti avanzano nel nord-ovest, in 200mila in fuga

    Riposta
    euronews (in Italiano)

    per euronews (in Italiano)

    705
    11 visualizzazioni
    Continua l’avanzata degli islamisti in Iraq. I militanti dell’ISIS si sono impadroniti della città di Sinjar, nel nord-ovest del Paese, tra la frontiera siriana e Mosul, infliggendo alle forze del Kurdistan iracheno la seconda sconfitta in due giorni.

    I peshmerga hanno abbandonato la città dopo essere stati scacciati anche da Zumar. I militanti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante hanno conquistato anche la diga di Mosul, la capitale del governatorato di Ninive finita a giugno nella mani dei fondamentalisti, e del giacimento petrolifero di Ain Zalah, a 60 chilometri da Mosul.

    Da Sinjar sono fuggite 200mila persone, “una tragedia umanitaria” l’ha definita l’ONU, mostrando preoccupazione per coloro che sono scappati sulle montagne circostanti e potrebbero trovarsi in trappola nella zona circondata dai jihadisti.

    Molti rifugiati trovano riparo in Kurdistan, come nel campo profughi di Erbil.