Sangalli: Camere di Commercio da riformare, non da abolire. Vanno accorpate, perchè 105 Camere sono troppe

askanews

per askanews

853
3 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (TMNews) - Non abolire, ma riformare e accorpare le Camere di Commercio, che debbono restare un valido strumento a sostegno delle imprese: è la posizione del presidente della Cdc di Milano e di Confcommercio Carluccio Sangalli che in questa videointervista a TMNews affronta il tema del futuro incerto delle Camere di Commercio, dopo la norma del decreto sulla Pubblica amministrazione che riduce di 400 milioni i diritti camerali dovuti dalle imprese, che otterranno in media un risparmio di 5,2 euro al mese. "E' importante - dice Sangalli - riformare le Camere di Commercio, ma abolirle sarebbe un errore fondamentale perchè tagliare il ramo della Pubblica amministrazione che è gestito dalle imprese per le imprese, sarebbe veramente paradossale. Vorrei fare una domanda provocatoria: a una piccola o media azienda che paga di diritti camerali 100, 120 euro l'anno, dimezzare i diritti camerali le cambia la vita? Io penso di no. Se invece tutto questo introito dei diritti camerali venisse riservato, come la fa Camera di commercio di Milano per il 70%, al territorio e alle imprese, penso che questo sarebbe certamente più importante. più conveniente e in un momento in cui la crisi sta ancora picchiando, essenziale". Sull'ipotesi di accorpare le Camere, Sangalli risponde: "Sono convinto che un passaggio di riforma seria e profonda vada fatto: 105 Camere di commercio sono certamente troppe, bisogna arrivare ad un accorpamento, bisogna fare in modo che diventino sempre più efficientei ed efficaci per le imprese". E su quali funzioni dovrebbero concentrare la propria azione Sangalli conclude: "Sono i temi che riguadano la vita delle imprese: l'innovazione, l'internazionalizzazione, il credito che è un tema molto significativo. Le imprese sono accompagnate validamente da un'istituzione come la Camera di Commercio. E non lo dico io, che potrei essere parte in causa: lo dice una recente ricerca dove i cittadini delle Camere, che sono le imprese e sono molto esigenti, hanno espresso larghissimamente un giudizio largamente positivo sulle Camere di commercio".

0 commenti