Gaza, Onu: cessate il fuoco immediato senza condizioni

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

928
23 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
New York, (askanews) - "E' tempo di un immediato, incondizionato cessate il fuoco umanitario: nel nome delle ragioni umanitarie, la violenza deve finire". Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-Moon rinnova ancora una volta l'appello alla fine delle violenze a Gaza. Da New York, sede delle Nazioni Unite, parla della responsabilità in capo a israeliani e palestinesi. "Devono fermare i combattimenti e iniziare il dialogo ora, capire la radice delle cause che finalmente metteranno fine al questo ciclo di violenze senza senso. Questo significa assicurare la pace attraverso il rispetto reciproco, la fine dello strangolamento economico a Gaza e di un'occupazione durata 50 anni".
Dichiarazioni confermate dal Consiglio di sicurezza, che ha espresso "forte sostegno per un cessate il fuoco umanitario immediato e senza condizioni". Per il segretario di Stato John Kerry è "l'unica via per cominciare a discutere", ma il premier israeliano Benjamin Netanyahu respinge una proposta che "non tiene conto della sicurezza di Israele". L'ultima sospensione delle ostilità a Gaza è durata poche ore, dopo sono ripresi i raid israeliani contro obiettivi di Hamas, che a sua volta ha ricominciato a lanciare razzi verso le città israeliane. Tra le ultime vittime palestinesi si contano anche bambini.
(immagini Afp)

0 commenti