Mostra Venezia, 3 italiani in concorso: Martone, Munzi, Costanzo

askanews

per askanews

900
12 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (askanews) - Un festival con divi come Al Pacino, Owen Wilson, Jennifer Aniston, Catherine Deneuve e Chiara Mastroianni, ma anche un festival "di ricerca", con molti film legati al tema della guerra e della letteratura. Sarà soprattutto questo per il direttore Alberto Barbera la 71.ma Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, dal 27 agosto al 6 settembre. Tre i film italiani in concorso: "Il giovane favoloso" di Mario Martone con Elio Germano nel ruolo di Giacomo Leopardi, "Anime nere" di Francesco Munzi, su una famiglia criminale calabrese, e "Hungry hearts" di Saverio Costanzo, film a piccolo budget girato a New York con Alba Rohrwacher. Molto atteso in concorso "Pasolini" di Abel Ferrara con Willem Dafoe e Riccardo Scamarcio.
Nelle tre sezioni del festival verranno presentati 55 film, provenienti da 40 Paesi, venti dei quali in concorso: quattro le pellicole americane e quattro quelle francesi, tra i grandi nomi spiccano Fatih Akin, Ramin Bahrani, Benoit Jacquot. Il film d'apertura sarà "Birdman" di Alejandro G. Inarritu con Michael Keaton.
Barbera ha spiegato: "Io credo che un festival debba fare un lavoro di ricerca nel senso di cercare di capire cosa c'è di nuovo, di interessante in giro per il mondo, quali sono i film migliori e gli autori più promettenti, spesso sono giovani registi, spesso sono cinematografie che si affacciano alla produzione la prima volta".
Ma sicuramente i film che faranno più discutere al festival sono due italiani non in concorso nella selezione ufficiale: "La trattativa" di Sabina Guzzanti sulla trattativa stato-mafia, e quello su Berlusconi di Franco Maresco, "Belluscone, una storia siciliana".
Ancora Barbera assicura: "Sono film di grandissima qualità, e.... non saranno le sorprese che mancheranno a Venezia quest'anno".

0 commenti