Advertising Console

    Via costruzione padiglione Usa a Expo, focus su cibo per tutti. Ambasciatore Phillips: porteremo nostra innovazione e tecnologia

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    2 visualizzazioni
    Rho-Pero (Mi), (TMNews) - Gli Stati Uniti d'America considerano l'Expo 2015 un'opportunità per le proprie aziende agroalimentari, ma anche un'occasione per aiutare il mondo a garantire cibo sicuro e sufficiente per tutti. Un obiettivo che per Washington, ha sottolineato l'ambasciatore americano in Italia John Phillips durante la posa della prima pietra del padiglione statunitense, significa anche avere un Pianeta più stabile e più sicuro: "Il tema di Expo 2015 ha grande importanza per le politiche dell'amministrazione Obama, così siamo felici di partecipare. La sfida di come produrre abbastanza cibo per sfamare il mondo è una di quelle davvero difficili e noi vogliamo essere parte della soluzione. Abbiamo molte idee e porteremo qui l'innovazione e la tecnologia americana per concentrarci su questo tema".Tra i contributi americani ci sarà senz'altro anche quello controverso degli Ogm, ma come ha sottolinato il commissario unico di Expo 2015 Giuseppe Sala si tratta comunque di un punto di vista imprescindibile: "Sarà un padiglione molto importante e credo con una proposizione in termini di contenuti assolutamente unica che controbilancierà magari altri modi di vedere. Questo è quello che noi vogliamo: avere più visioni rispetto al tema dell'alimentazione".Il padiglione statunitense è finanziato interamente con fondi private e riprodurrà una fattoria. Celebrerà la storia dell'agricoltura americana, capace di produrre già oggi un quarto del cibo globale, ma lo sgurdo è rivolto al 2050, anno in cui, secondo gli Usa, per soddisfare le esigenze della popolazione planetaria la produzione alimentare mondiale dovrà aumentare del 70%.