Israele: telefonata Gilad a polizia durò oltre 2 minuti

32 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
È durata oltre due minuti la telefonata che Gilad Shaar, uno dei tre ragazzi israeliani rapiti e poi trovati uccisi in Cisgiordania , ha fatto alla polizia dopo il sequestro.

Lo rivela il quotidiano online Ynet che ha messo sul suo sito la registrazione.

Si sentono grida e uno dei rapitori esclamare in arabo ‘‘ne abbiamo tre’‘. L’ultima espressione in ebraico, ma dal forte accento arabo è “giù le teste”. Secondo la polizia, i tre giovani sono stati uccisi subito dopo.

L’allarme, però, è scattato almeno dieci ore più tardi, per le ripetute denunce delle famiglie. L’errore è costato l’incarico ad alcuni ufficiali di polizia.

Ynet riporta anche un commento della madre di Gilad, Bat Galim secondo la quale la polizia – che avrebbe fatto ascoltare ai familiari dei ragazzi la telefonata solo dopo alcuni giorni dal rapimento – aveva
assicurato che ‘‘c’era una speranza che fossero ancora vivi’‘.

0 commenti