Advertising Console

    Iraq: Isis a caccia di petrolio. Un nuovo modo di combattere il jihad

    Riposta
    euronews (in Italiano)

    per euronews (in Italiano)

    852
    159 visualizzazioni
    di Alberto de Filippis

    In Iraq i jihadisti attaccano la maggiore raffineria del paese.

    L’Isis, lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante, ha completamente stravolto il modo di intendere il jihad, la guerra santa. Dopo aver svuotato i forzieri della banche di Mosul adesso punta al cuore della cassaforte petrolifera irachena.

    I combattenti hanno lanciato mercoledì all’alba un attacco contro la principale raffineria irachena, a nord di Baghdad. I combattimenti sono cominciati alle 4 ora locale (le 2 in Italia) nella raffineria di Baiji, nella provincia di Salaheddine. I jihadisti controllano settori della provincia da una settimana.

    Gli assalitori hanno distrutto riserve di petrolio prima di entrare nel complesso.

    Il premier al Maliki e le autorità locali non sembrano in grado di far fronte alla minaccia e Isis dilaga.

    Fare la guerra, anche se santa, costa e Isis dispone di cash flow, una disponibilità di denaro contante enorme, superiore ai due miliardi di dollari. A fronte di questa organizzazione a poco potrebbero servire i volontari sciiti che si raccolgono a Baghdad.