Confindustria: bene fondi formazione, ma stop a tagli governo. Dopo prelievo 2013 per finanziare cassa in deroga

askanews

per askanews

885
12 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - Dal 2007 i fondi per l'aggiornamento e lo sviluppo professionale, Fondimpresa e Fondirigenti, promossi da Confindustria hanno garantito oltre 310mila partecipazioni di lavoratori milanesi a corsi di formazione per un importo complessivo di ben 161 milioni di euro. Un bilancio positivo che ha però conosciuto una battuta di arresto nel 2013 in seguito alla decisione del governo di sottrarre risorse, circa 15 milioni per il solo territorio di Milano, per finanziare la cassa integrazione in deroga. Una decisione accettata responsabilmente da tutte le parti sociali ma l'auspicio è che non sia replicata per il 2014 come ha spiegato Marcella Panucci direttore generale di Confindustria in occasione dell'incontro "Fattore F: la formazione che funziona" organizzato da Assolombarda per i 10 anni dalla nascita dei due fondi. "I fondi interprofessionali svolgono un ruolo molto importante nella formazione continua dei lavoratori e contribuiscono ad alazare il livello del capitale umano all'interno delle imprese. Un ruolo fondamentale sul quale stiamo puntando. E' però evidente che laddove le risorse dei fondi fossero distratte, come purtroppo è accaduto di recente, questo ruolo si indebolirebbe e chi ne sarebbe svantaggiato sarebbero le imprese e i lavoratori stessi".Intanto sono stati fatti passi avanti sul fronte del riconoscimento delle competenze acquisite nei percorsi di formazione favorendone la diffusione anche fra le Pmi.

0 commenti