Egitto, per i militari i problemi sono alle spalle: "Nuova era"

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

926
8 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Marsa Alam, Egitto (askanews) - Il nuovo Egitto dei militari è pronto a ripresentarsi sulla scena internazionale, tanto politica quanto economica e, sotto questo aspetto, la sfida del business turistico è cruciale. Ma da Marsa Alam, dove si è tenuta la convention United for Egypt con autorità e operatori del settore, arrivano anche dei messaggi politici molto precisi rispetto agli eventi dei mesi scorsi. "Quello che è accaduto nell'ultimo periodo - ci ha detto il ministro uscente del Turismo, Hishan Zaazou - era in fondo una questione interna, una questione solo egiziana". "Qui - aggiunge assertivo il governatore della regione del Mar Rosso, generale Ahmed Abdallah - non abbiamo avuto alcun tipo di problema".
Insomma, la guerra civile con i Fratelli musulmani e le loro milizie sembra essere già stata archiviata dai nuovi governanti come un semplice incidente di percorso. "La violenza - ha aggiunto Zaazou - diminuirà sempre di più, perché questa è una nuova era per l'Egitto. E le elezioni presidenziali sono state una pietra miliare: il nuovo presidente ha posto al centro la stabilità e la sicurezza".
Tutto risolto dunque, per la nuova classe dirigente egiziana. Ma a telecamere spente, girando tra le attrazioni turistiche del Mar Rosso, abbiamo raccolto anche voci di persone che continuano a temere i gruppi estremisti islamici ma, al tempo stesso, mostrano fiducia nel fatto che il governo di Al Sissi possa convincere molti di coloro che avevano sostenuto i Fratelli musulmani come reazione alla corruzione dell'era Mubarak. E l'Italia, come ci ha confermato l'ambasciatore al Cairo Maurizio Massari, sostiene il nuovo corso. "C'è da parte italiana, ma anche dalla maggior parte dei nostri partner e da parte dell'Unione europea - ha detto il diplomatico - un apertura di credito nei confronti dell'Egitto dopo queste elezioni".
Solo il tempo potrà dirci se il golpe militare ha davvero dato il via a una rinascita del Paese: al momento l'unica certezza è che le questioni ancora da risolvere sono molte.

0 commenti