Sfogo di Obama dopo l'ennesima sparatoria in una scuola

Prova il nostro nuovo lettore
12 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il solo Paese sviluppato al mondo in cui succedano cose del genere. La condanna e la rabbia del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama per l’ennesima sparatoria in una scuola, un liceo nell’Oregon, sono arrivati poco dopo la notizia: uno studente fa irruzione armato di fucile nella Reynolds High School a Troutdale, vicino a Portland. Spara e uccide un altro ragazzo. L’aggressore si suicida. Storie che si ripetono ogni settimana negli Stati Uniti.

“La nostra società non ha avuto la volontà di adottare alcune misure basilari per tenere le armi fuori dalla portata di gente che può fare danni incredibili. Siamo la sola società, il solo Paese sviluppato al mondo in cui succedano cose del genere” ha commentato Obama.

L’ultimo episodio di violenza in una scuola negli Stati Uniti risale soltanto a 4 giorni fa: un morto e 7 feriti in una scuola nello Stato di Washington. Obama punta il dito contro la Nra, National Rifle Association, la lobby delle armi da fuoco, e contro il Congresso che nonostante le pressioni dell’amministrazione Obama non ha mai adottato misure restrittive sul possesso e l’uso delle armi.

0 commenti