Venezia, il talento di Ileana Sonnabend per i grandi artisti. A Ca' Pesaro la mostra "Da Rauschenberg a Jeff Koons"

askanews

per askanews

871
19 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Venezia (TMNews) - Gallerista e scopritrice di artisti poi diventati delle vere e proprie superstar. Ileana Sonnabend, leggendaria collezionista di origine rumena scomparsa nel 2007, è uno dei nomi che hanno fatto la storia dell'arte contemporanea e ora Ca' Pesaro a Venezia le rende omaggio con la mostra "Da Rauschenberg a Jeff Koons", che presenta una settantina di opere di grande impatto, che spaziano dalla Pop Art, al concettuale, dall'Arte povera alla Minimal Art. Così al secondo piano della galleria d'arte moderna veneziana ci si imbatte in icone globali come i Brillo Box di Andy Warhol, opere indistinguibili dagli oggetti di uso comune che li hanno ispirati e che hanno rappresentato un punto di svolta nel mondo dell'arte. Accanto a loro, immancabili, le zuppe Campbell e i dollari del grande Andy, ma anche tre pezzi pregiati di Roy Lichtenstein, altro maestro del Pop, ma distante da Warhol: dalla "Wall Explosion"che unisce il fumetto e la scultura, fino all'opera simbolo della mostra veneziana, il dipinto "Little Aloha" del 1962, uno dei lavori più noti di Lichtenstein.Lo sguardo della Sonnabend, comunque, era in grado di rivolgersi anche ad altre correnti artistiche, e quindi ecco l'uovo senza titolo di Kounellis, oppure i ritratti fotografici di Christian Boltanski. E ancora, il numero otto secondo Jasper Johns, le grandi biblioteche fotografate da Candida Hofer, veri luoghi della mente, e il ponte di Brooklyn sfumato nell'obbiettivo di Hiroshi Sugimoto, quindi due Rauschenberg d'annata e lo straordinario "Eat Death" di Bruce Naumam.Impossibile non citare poi "Everything is purged..." di John Baldessari e le macchine per scrivere rivisitate da Arman. Per concludere, didascalicamente e in un crescendo di successo commerciale, con le porcellane massificanti di Koons, sospese tra un facile immaginario e la vera grandezza. Quella che certamente Ileana Sonnabend è stata in grado di scoprire e mettere letteralmente in mostra nella sua lunga carriera.

0 commenti