Napoli - Repubblica delle Idee, Renzi parla di corruzione (07.06.14)

Pupia

per Pupia

659
1 visualizzazione
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
http://www.pupia.tv - Napoli - Contro la corruzione occorre "dare risposte strutturali". "Siamo abituati a intervenire con provvedimenti di emergenza spesso legati all'ansia di prestazione" ma non servono "interventi spot".

Matteo Renzi, da Napoli, intervistato dal direttore di Repubblica Ezio Mauro, torna sulle ultime inchieste giudiziarie che hanno coinvolto Expo e Mose.

"Cambiamo radicalmente il processo amministrativo, l'impostazione della procedura pubblica" degli appalti, dice Renzi, "oggi è arrivato il momento di una riforma radicale". Renzi conferma poi che venerdì prossimo "ci sarà un provvedimento ad hoc" sulla corruzione che prevede "poteri precisi" all'autorità di Cantone.

"Chi ruba nel Pd andrà a casa a calci nel sedere", aggiunge il presidente del Consiglio, aagiungendo: "E' fuori dalla storia negare la responsabilità della politica, anche per la mia parte politica". Poi spiega: "serve una riforma radicale" e "occorrerà incidere sulla vigilanza e sulle procedure" degli appalti.

Il premier parla poi di tasse ("venerdì il blocco di misure per la semplificazione fiscale parte e dall'anno prossimo arriva la dichiarazione dei redditi precompilata"), di lavoro ("Per creare posti di lavoro va combattuta la cattiva burocrazia, vanno fatte le riforme costituzionali e istituzionali e si deve poi agire sulla giustizia civile") e di riforme ("Ci sono le condizioni perché entro l'estate possa essere approvata la legge elettorale" e si possa incassare "la prima lettura della riforma costituzionale"). (07.06.14)

0 commenti