Advertising Console

    Tra i clandestini assistiti nell'help center di Catania. Prima oasi di salvezza per i migranti in viaggio verso l'Europa

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    9 visualizzazioni
    Catania (TMNews) - L'Help center della Caritas diocesana a Catania rappresenta per molti clandestini l'oasi della salvezza dopo un viaggio in cui, sempre più spesso, ormai, mettono a rischio la propria vita.Superate le incognite dei loro viaggi insidiosi attraverso il Mediterraneo, infatti, per i migranti che arrivano in Europa, la struttura catanese, adiacente alla Stazione Centrale, è il primo luogo di accoglienza. Qui, decine di extracomunitari vengono assistiti e rifocillati quotidianamente. Sfamati con pasti caldi e vestiti con indumenti donati dai cittadini catanesi. Tra i responsabili c'è don Daniele, un diacono diocesano che da due anni assiste i bisognosi che si rivolgono all'helpcenter."La mattina diamo loro la colazione - dice - dopo se lo desiderano fano la doccia, gil diamo una tovaglia pulita, dobbiamo farli sentire accolte, ma soprattutto amate queste persone".I pasti non consumati vengono conservati per essere poi distribuiti a chi ne ha più bisogno. Gli operatori del centro, inoltre, aiutano le persone in difficoltà a trovare un lavoro e un posto dove dormire."Qui esistono esistono dei servizi - conclude Don Daniele - tipo la scuola di italiano, c'è anche un servizio legale, c'è un servizio per la ricerca dei posti di lavoro, per quel che si può fare, tramite internet. Li aiutiamo a integrarsi".Una comunità, dunque, in cui ognuno gioca un ruolo determinante per garantire assistenza e soccorso a chi ne ha bisogno, a prescindere che si tratti di immigrati o italiani che a causa della crisi hanno perso tutto.