Cina, segnali di rallentamento economico ad aprile

Prova il nostro nuovo lettore
3 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Possibile che lo slancio dell’economia cinese si sia già esaurito? A vedere i numeri riferiti ai primi quattro mesi di questo 2014, quantomeno si può parlare di rallentamento.

Ad aprile la produzione industriale è cresciuta dell’8,7% rispetto all’anno scorso, sotto le attese. Discorso identico per le vendite al dettaglio, avanzate solo dell’11,9%.

Ma a spaventare sono soprattutto i segnali di raffreddamento in arrivo dal mercato immobiliare, considerato un pilastro dello sviluppo cinese a causa dell’indotto.

Le vendite di proprietà sono calate e i nuovi investimenti in beni immobili hanno registrato una frenata, nonostante la spinta da parte del governo.

“Osservando la media degli ultimi due anni – dicono però dall’Ufficio nazionale di statistica – il volume degli investimenti è ancora grande e in crescita stabile”.

Secondo le indiscrezioni di stampa, la banca centrale cinese starebbe correndo ai ripari, chiedendo agli istituti di accelerare l’erogazione dei mutui.

Inamovibili, invece, i vertici di Pechino, i quali continuano a ripetere che non lanceranno nuovi pacchetti di stimolo su larga scala, ma solo misure mirate in grado di stabilizzare la crescita annuale intorno all’obiettivo del 7,5%.

0 commenti