Expo, società civile protagonista con Cascina Triulza

askanews

per askanews

884
11 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (askanews) - Expo Milano 2015 sarà la prima esposizione univesrale con un padiglione dedicato alle organizzazioni nazionali ed internazionali della società civile: Cascina Triulza. Si tratta di uno dei padiglioni più grandi dell'Expo e dell'unico manufatto già esistente all'interno del sito espositivo. Ad occuparsi dello spazio e del coordinamento degli eventi sarà Fondazione Triulza, un ampio e plurale network di realtà del terzo settore che ha voluto impegnarsi in prima linea perchè Expo Milano 2015 possa diventare una concreta opportunità per la società civile di tutto il mondo. Ce ne parla Sabina Siniscalchi, presidente del comitato di gestione, che ha presentato l'iniziativa al Senato insieme col presidente del Senato, Piero Grasso, il ministro delle politiche agricole, Maurizio Martina, Sergio Silviotti, presidente Fondazione Triulza, Roberto Arditti, direttore affari istituzionali Expo 2015 spa e Chiara Pennasi, direttore padiglione società civile-cascina Triulza.
"La società ha voluto presentare il grande tema 'Nutrirre il pianeta energia per la vita' che è il tema dell'esposizione 2015 coinvolgendo la società civile. A ragione perché la società civile è quell'insieme di organizzazioni che si occupano ogni giorno si occupano di questo tema che lo fanno producendo innovazione a fianco delle popolazioni colpite dalle questioni alimentari, dalla malnutrizione, dalla fame. Ricordiamoci che ancora milioni e milioni di persone nel mondo soffrono di questo problema. Quindi era giusto così, abbiamo voluto cogliere l'opportunità ed è anche una sfida perché stare sei mesi dentro l'Esposizione universale sarà una bella sfida ma anche una bella fatica".
Il sogno è che il padiglione rimanga un luogo della società civile
"In Italia abbiamo il terzo settore che è un po' il contenitore, il grande contenitore delle grandi organizzazioni quindi di tutte le organizzazioni, da quelle ambientaliste, alla cooperazione sociale alla cooperazione internazionale e già queste organizzazioni sono presenti nella fondazione. La fondazione si è proposta come gestore della Cascina Triulza per il dopo Expo perché non venga sprecato quel bene la cui ristrutturazione è costosa e che farà da catalizzatore di tutte le idee, le proposte, le intuizioni delle nostre organizzaizoni, quindi continuando a rappresentarle lì, creando nuovi progetti, creando nuove occasioni".

0 commenti