Guantanamo Bay, l'ultimo surreale scoglio della Guerra fredda

Try Our New Player
askanews
899
11 views
  • About
  • Export
  • Add to
Miami (askanews) - Vivere fuori tempo massimo sull'ultimo scoglio della Guerra fredda. Scenari da secolo e millennio scorsi.
Il campo di prigionia di Guant namo è una struttura detentiva statunitense di massima sicurezza sull'isola di Cuba e interna alla base navale di Guantanamo, un'installazione militare di 120 chilometri quadrati della marina militare degli Stati Uniti e del Corpo dei marines ubicata presso la omonima baia, nell'estremo sud-est di Cuba.
Guantanamo Bay, Gitmo nello slang militare Usa, è una base che riproduce nel suo superefficiente microcosmo un tassello di Stati Uniti con tutti i segnacoli, le opportunità e gli scenari familiari a ogni cittadino americano. Qui si trova anche l'unico McDonald's di Cuba, bastione surreale dell'ultima trincea armata dell'anticomunismo mondiale.
È il campo di detenzione che rinchiude i terroristi e i presunti tali catturati in tutto il mondo dalle forze di sicurezza americane che ha attirato l'attenzione del mondo, un campo che nemmeno il presidente Obama, per ora e nonostante le promesse elettorali, è riuscito a chiudere.
Ma i militari americani vivono senza problemi il loro scorcio di America in salsa caraibica. Steven Jaquin controlla la trasmissione di musica e notizie della radio FM del campo.
E non ha dubbi sulla vita a Guantanamo Bay.
"È una specie di microcosmo di tutto quello di buono che esiste in America, un ambiente accogliente e familiare. Non hai problemi di criminalità e vivi all'interno di una piccola comunità dove tutti conoscono i figli degli altri. E dove tutti si frequentano".
Gitmo, prigione di massima sicurezza in attesa di chiusura, vive ancora oggi in bilico tra i fantasmi della Guerra fredda e incongrui scorci cubani di un'America di provincia. In attesa di diventare finalmente grande.
(Immagini Afp)

0 comments