Advertising Console

    Roma - Boldrini all'Aula La Convenzione di Istanbul in vigore dal 1° Agosto (24.04.14)

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    744
    5 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Roma - Boldrini all'Aula: La Convenzione di Istanbul in vigore dal 1° Agosto
    La Presidente Laura Boldrini, al termine delle dichiarazioni di voto sul disegno di legge di conversione del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34, recante disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell'occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese (C. 2208-A), ha dato la seguente notizia:
    "Prima di procedere con gli interventi a titolo personale e con il voto, sono contenta di poter dare una notizia che anche per la Camera è certamente motivo di soddisfazione. La Convenzione di Istanbul, il trattato europeo sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, entrerà in vigore dal prossimo primo agosto. E questo, colleghi e colleghe, grazie alle recentissime ratifiche da parte di Spagna, Andorra e Danimarca, perché è stato superato il numero di dieci Paesi membri del Consiglio d'Europa, numero previsto perché il trattato diventi legalmente vincolante. Per me, e immagino per tutti e per tutte noi, è motivo di orgoglio il fatto che il Parlamento italiano sia stato tra i primissimi ad avere ratificato - lo ricordo, con voto unanime - un atto di così grande significato."
    "Prima di procedere con gli interventi a titolo personale e con il voto, sono contenta di poter dare una notizia che anche per la Camera è certamente motivo di soddisfazione.
    La Convenzione di Istanbul, il trattato europeo sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, entrerà in vigore dal prossimo primo agosto. E questo, colleghi e colleghe, grazie alle recentissime ratifiche da parte di Spagna, Andorra e Danimarca, perché è stato superato il numero di dieci Paesi membri del Consiglio d'Europa, numero previsto perché il trattato diventi legalmente vincolante.
    Per me, e immagino per tutti e per tutte noi, è motivo di orgoglio il fatto che il Parlamento italiano sia stato tra i primissimi ad avere ratificato - lo ricordo, con voto unanime - un atto di così grande significato." (24.04.14)